Forum2014

Questo Forum ambisce a connettere tutti coloro che si interessano delle seguenti tematiche: Politica, Economia, Finanza, Società, Religione e Radiocomunicazioni.
Capitolo Radiocomunicazioni: piattaforme VOIP: TEAMSPEAK3 - FRN - EQSO - ZELLO - CB - PMR - LPD - SRD - PONTI RIPETITORI - GATEWAY - PARROT - RADIO SURPLUS
Forum2014

(Radiantismo & Attualita')

Visitors mini


Ultimi argomenti

» TEAM RADIO DISPERSI
Dom Nov 04, 2018 5:51 pm Da IK7TAB

» La bufala dell'uomo sulla luna!
Ven Nov 02, 2018 2:47 pm Da IK7TAB

» Museo della Radio <Surplus Militare>
Dom Set 02, 2018 10:07 am Da IK7TAB

» Struttura GLADIO. Grande segreto della Repubblica
Lun Ago 13, 2018 1:40 pm Da IK7TAB

» Radiocomunicazioni
Sab Ago 04, 2018 12:16 pm Da IK7TAB

» LA STORIA DI RADIO MONTECALVO, FRANCO IMPAGLIATELLI, RADIOAMATORE
Sab Lug 28, 2018 12:37 pm Da IK7TAB

» Radioamatori che hanno fatto la storia!
Lun Lug 23, 2018 11:35 am Da IK7TAB

» Software @ Sperimentazioni
Mar Giu 26, 2018 10:11 am Da PU7MKI

» Radioamatori italiani che hanno fatto grande la radio
Lun Giu 11, 2018 2:29 pm Da IK7TAB

dx mouse disabilitato


tasto risalita


Your IP

Server VOIP-RADIO


Emergenza24


  • Nuovo argomento
  • Rispondi all'argomento

Il medioevo digitale che verra'...

Condividi
avatar
PU7MKI
Admin

Messaggi : 229
Data d'iscrizione : 23.03.14
Località : Brasile

Il medioevo digitale che verra'...

Messaggio Da PU7MKI il Dom Mag 03, 2015 2:04 pm



Cancellati, dimenticati, oscurati nel più grande buco nero dell’informazione mai esistito. Potrebbe essere questo il futuro del nostro secolo, gli anni duemila che tanto hanno dato alla tecnologia da esserne infine, paradossalmente, inghiottiti.

Milioni di documenti, blog, tweet, immagini e video, scomparsi. La causa? I formati attuali dei documenti diventeranno obsoleti e arriverà il momento in cui saranno illeggibili. A lanciare l’allarme è stato Vinton Cerf, uno dei padri di internet e vice presidente di Google. «Stiamo gettando tutti i nostri dati in quello che potrebbe diventare un buco nero dell’informazione senza nemmeno accorgercene» ha spiegato Cerf nel corso del meeting annuale della American Association for the Advancement of Science «Digitalizziamo le cose perché pensiamo di preservarle, ma quello che non capiamo è che, a meno che non vengano intraprese altre azioni, queste versioni digitali non sono meglio degli artefatti reali. Forse sono anche peggio. Se avete foto a cui tenete, stampatele». Meglio avere tra le mani ciò che solitamente riteniamo al sicuro sul nostro schermo, il rischio è che le generazioni future non riescano ad accedere a parte degli elementi digitali della nostra epoca. Che la nostra storia dunque non sia più ricostruibile e si trasformi in un nuovo Medioevo. Paradossale, se si pensa che oggi immagazziniamo tutto in digitale proprio per garantirgli “vita eterna”, mentre quella stessa tecnologia evoluta al quadrato potrebbe rendere i nostri file superati e illeggibili. «Quando si pensa alla quantità di documenti presenti nelle nostre vite quotidiane e immagazzinati in forma digitale, come le email, i tweet e tutto il web, è chiaro che potremmo perdere una grossa fetta della nostra storia» ha aggiunto Cerf «Non vogliamo che le nostre vite digitali scompaiano. Se vogliamo preservarle dobbiamo assicurarci che gli oggetti digitali che creiamo oggi siano ancora accessibili nel futuro».
La soluzione, secondo l’esperto, è creare una sorta di pergamena digitale, cioè un software in grado di aprire un determinato file anche a distanza di anni e su computer moderni. Di tutt’altra idea è chi la vicenda la guarda da un diverso punto di vista. «I documenti importanti andrebbero conservati in cartaceo, se tutte le fesserie che si dicono su Twitter, su Facebook vanno al macero, quella non sarebbe una grave perdita». Il filosofo Remo Bodei non ha dubbi su questo. «Ormai queste piattaforme èsono una specie di variante dei sensi, ognuno scrive quello che gli pare e si costruisce un piccolo monumento» aggiunge «Il punto importante d’altra parte è la gravità della discontinuità che si sta formando tra un mondo fatto solo di carta e un mondo in cui è tutto virtuale».
I nostri ricordi insomma meritano più attenzione? «Il problema è che noi conserviamo ogni cosa su un sistema operativo che poi per forza di cose cambia» risponde Fulvio Berghella, esperto informatico «È sempre stato così, siamo noi che dobbiamo avere l’accortezza di travasare i dati e adattarli ai nuovi format ogni volta, altrimenti non li leggeremo più. Non è un pericolo reale è solo una questione di costi e di tempo». Eppure anche chi sulla rete ci vive e ci lavora non nasconde un certo senso di insicurezza che deriva proprio da Internet. «Stiamo scommettendo su una realtà che non esiste davvero, che è virtuale» commenta il giovane Gabriele Dotti, in arte Francesco Sole, nome con cui è conosciuto da milioni di fan su YouTube. Il suo rimedio per evitare che il suo lavoro sia cancellato per sempre? «Scrivo i miei pensieri su dei post-it prima di lanciarli in Rete».
{NdR} Un nuovo medioevo storico potrebbe ripresentarsi… riflettiamo tutti.
fonte: http://www.ilsecoloxix.it/p/magazine/2015/02/14/ARutj4WD-allarme_stampate_perderete.shtml
Basta un “Mi Piace” per aumentare la visibilità di questa pubblicazione e permettere ad altri di vederla e condividerla. Clicca su “Mi Piace”






  • Nuovo argomento
  • Rispondi all'argomento

La data/ora di oggi è Gio Nov 15, 2018 10:34 pm